travel-one

4 regole da seguire per comprare una lampada

Oggi vi parlo di 4 regole d’oro. Ogni volta che decidiamo a comperare una nuova lampada per la casa, visitiamo tutti i negozi di arredamento e di illuminazione nel raggio di 30 km. Veniamo accolti da decine e decine di proposte e scegliere diventa davvero difficile.

Per questa ragione ho deciso di preparare un vademecum composto da 4 semplici regole che vi faranno portare a casa la lampada giusta per voi.

A differenza di altri post in cui vi davo suggerimenti sul genere di lampada da acquistare in base alle vostre esigenze e alla stanza della casa da arredare, queste regole non riguardano lo stile della lampada, ma la lampada come oggetto di acquisto.

Supponiamo dunque che dopo tanto vagare, abbiate selezionato un gruppo di 3 o 5 lampade tutte potenzialmente adatte a voi. Come fare la scelta definitiva? Come non sbagliare?

Semplice: usate l’acronimo QVPA.

Q, V, P, A: quattro lettere magiche, quattro regole d’oro infallibili che vi garantiranno di spendere bene i vostri soldi scegliendo la lampada perfetta per voi.

Vediamole insieme, una ad una.

Q= Qualità

Tra tutte le opzioni che avete selezionato, scegliete quella di maggiore qualità. Guardate i dettagli, sono essi che fanno la differenza. E’ una lampada in metallo? Ponete attenzione alle saldature: devono essere così ben fatte da non vedersi neppure. Controllate l’eventuale laccatura: il colore deve essere omogeneo e con uno spessore adeguato (almeno 3 micron). Se semplicemente passando un’unghia leggera si scrosta o vedete il metallo sottostante, lasciate perdere. Se è una lampada in vetro, controllate che il vetro non abbia difetti come bolle o avvallamenti, a meno che non si tratti di un vetro soffiato a bocca. Se tra le vostre opzioni c’è una lampada in vetro soffiato, preferitela senza alcun dubbio a quelle in vetro stampato: acquistandola acquisterete un pezzo unico ed irripetibile, qualcosa che avrete solo voi. Chiedete infine al negoziante se la lampada rispetta le norme di sicurezza previste dal vostro Paese: siate intransigenti, se avete il dubbio che non sia sicura, lasciatela dov’è!

V: Valore

La parola “valore” non significa “costoso”. Scegliete una lampada che abbia del “valore” intrinseco in sé, in termini di design, di lavorazione, di storia. Ci sono molte aziende i cui prodotti hanno un prezzo corretto, ed offrono nello stesso tempo un grande valore.

La qualità è già un valore, ma io vi consiglio di scegliere la lampada non solo ben fatta, ma anche in cui si percepisca subito che è frutto di un lavoro di ideazione, di progettazione e di realizzazione. Se poi quella lampada ha anche una storia, tanto meglio. 

Infine non trascurate il servizio e l’assistenza post vendita. Se doveste rompere un pezzo della lampada, sarà facile acquistare il ricambio? Se doveste avere dei dubbi sull’installazione, l’azienda potrà venirvi in aiuto in tempi brevi?

P: perseveranza

Cosa centra la perseveranza con le lampade? Oh, molto più di quello che potete immaginare.

Perseveranza è una delle qualità che caratterizzano le aziende più longeve, che sono sul mercato da molti anni, che se hanno superato nel corso del tempo difficoltà e momenti bui e sono sopravvissute è perché non hanno mai deluso i loro clienti. Con questo non voglio dirvi di non acquistare lampade da aziende appena fondate (in esse potete trovare la genialità e la creatività che in altre manca), tuttavia ricordatevi che l’esperienza nelle aziende, come nelle persone, può fare la differenza. Informatevi su chi sono le aziende che producono le lampade che state valutando, visitate i loro siti internet, leggete la loro storia e poi fate la vostra scelta.



A: autenticità

Scegliete sempre qualcosa di autentico, originale. Non cadete nell’errore di acquistare copie a poco prezzo. Non fatelo per motivi etici e per motivi strategici.

Per motivi etici in quanto acquistando un prodotto copiato finanzierete quelle aziende che si arricchiscono rubando la creatività delle altre aziende. A tal proposito vi invito a leggere il mio post “Copiare è rubare”.

Per motivi strategici, perché acquistare una copia ricorderà tutti i giorni a voi stessi e a chi verrà a farvi visita che non siete abbastanza ricchi da permettervi l’originale.

Scegliete quindi una lampada originale, diversa, che proprio per questa sua “unicità” non vi stancherà nel tempo. Un pezzo da mostrare con orgoglio sincero. Una lampada insomma che ogni giorno vi dirà “hai buon gusto” e non “sei povero”.